“Quest’anno la ricorrenza della Giornata internazionale della Donna capita in un momento particolare, per questo da donna e da presidente di un’associazione come le ACLI di Roma che opera per il Bene Comune, ci tengo ad esprimere la mia gratitudine a tutte quelle donne che con grande spirito di abnegazione, sono in prima linea per fronteggiare l’emergenza nazionale del Coronavirus”.

È quanto dichiara Lidia Borzì, la presidente delle ACLI di Roma aps. Quest’anno l’associazione celebra la ricorrenza con una cartolina che ha come tema: Non un passo indietro, né uno avanti, ma fianco a fianco!.

Un messaggio di unità che vede uniti uomini e donne e che oggi più che mai assume un significato profondo.
“Noi donne sappiamo bene – aggiunge Borzì – cosa significa sentirsi annientate dalla fatica, nel lavoro, nel dimostrare il proprio valore, nella conciliazione della famiglia. Sono situazioni di affanno dalle quali riusciamo a uscire grazie alla resilienza, quella caratteristica che abbiamo innata e che ci fa dire: soffro ma reagisco. Questa resilienza, però, per emergere ha bisogno di un terreno di coltura idoneo, che noi come ACLI di Roma contribuiamo a coltivare con strumenti e linguaggi diversi”.

“Vanno proprio in questa direzione – conclude Borzì – tutte le nostre iniziative per e con le donne: la formazione professionalizzante, l’esigibilità e la tutela dei diritti, la conciliazione famiglia e lavoro, la promozione della rappresentatività delle donne per superare il tetto di cristallo, l’aggregazione e l’empowerment con gli appuntamenti di “Like a woman”, ma anche tutto il filone dedicato alle donne discriminate e non tutelate nel mondo del lavoro e soprattutto a quelle in pericolo, vittime di violenza o di stalking. Per loro abbiamo attivato lo Sportello antiviolenza “Fiore di Loto” presso la parrocchia di S. Maria ai Monti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here