È stata approvata nel pomeriggio dalla Giunta della Regione Lazio una delibera che prevede all’interno dei futuri bandi della prossima Programmazione Agricola Comunitaria 2023-2027 forme di incentivazione e di premialità per le imprese agricole iscritte alla Rete del lavoro agricolo di qualità o che aderiscono a sistemi di certificazione di responsabilità sociale nella gestione aziendale e interventi a favore dell’imprenditoria agricola femminile.

La delibera, proposta dall’Assessorato all’agricoltura di concerto con l’Assessorato alle politiche del lavoro, nasce dalla necessità di sostenere attività che garantiscano la qualità e la sicurezza del lavoro, attraverso misure che subordinano l’erogazione dei benefici, anche comunitari, al rispetto di principi cardine quali la responsabilità sociale, la certificazione ambientale e della qualità, la parità di genere.

Con questo atto d’indirizzo la Regione Lazio prosegue l’impegno per contrastare il fenomeno del lavoro irregolare e dello sfruttamento dei lavoratori in agricoltura cosi come stabilito dalla Legge Regionale del 14 agosto n. 18/2019 e per la promozione della parità retributiva tra i sessi, il sostegno dell’occupazione e dell’imprenditoria femminile di qualità nonché per la valorizzazione delle competenze delle donne previsto dalla legge regionale del 10 giugno 2021 N. 7.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here