Apriranno martedì 18 febbraio le iscrizioni ai nidi capitolini per l’anno educativo 2020/21. Quest’anno entrano in campo importanti novità, introdotte dalla Giunta Capitolina con la delibera n. 22 approvata il 7 febbraio, per andare sempre più incontro alle esigenze delle famiglie.

Rispetto al passato, aumenta la flessibilità nella scelta del nido sul territorio. Le famiglie potranno opzionare fino a 6 strutture, di cui le prime due da indicare come scelta prioritaria tra nidi a gestione diretta, in finanza di progetto o in concessione, mentre la scelta diventa libera per le restanti 4 opzioni.

Le preferenze di scelta sono invece interamente libere per tutte le 6 opzioni in caso di disabilità della bambina o del bambino, oppure di un genitore, un fratello o una sorella, e in caso di bambini con fratelli o sorelle già iscritti per l’anno educativo in corso e che riconfermeranno la frequenza per l’anno successivo nella stessa struttura.

Un’ulteriore libertà di opzione viene inoltre prevista nei casi in cui non fossero disponibili nidi a gestione diretta, in finanza di progetto o in concessione entro una determinata distanza dall’abitazione, che da quest’anno aumenta da 300 a 500 metri. Infine, in aggiunta alle 6 opzioni previste, resta confermata la possibilità di indicare un’ulteriore opzione per una struttura presente in qualsiasi Municipio, per favorire specifiche esigenze di spostamento quotidiano dei genitori.

Sono state poi rideterminate le fasce di età delle diverse sezioni, al fine di agevolare l’incontro tra la domanda e l’offerta dei posti, facilitando l’accesso dei piccoli e dei medi per i quali si formano principalmente le liste d’attesa e favorendo la continuità educativa con le scuole dell’infanzia. Ancora, è stato aumentato il periodo a disposizione delle famiglie sia per accettare il posto assegnato, esteso fino a 10 giorni dall’approvazione della graduatoria, sia per accettare il posto a seguito di chiamata dalla lista d’attesa, esteso fino a 5 giorni.

La domanda per l’iscrizione dovrà essere presentata on line sul sito di Roma Capitale entro il 23 marzo.

Da quest’anno, inoltre, le famiglie potranno inviare la richiesta per la frequentazione del nido nel mese di luglio non più al momento della presentazione della domanda di iscrizione, bensì rispondendo a un apposito Avviso che sarà pubblicato entro il mese di aprile, così da agevolare l’organizzazione estiva della famiglia.

La Sindaca di Roma Virginia Raggi sottolinea l’impegno quotidiano dell’Amministrazione per facilitare la vita alle famiglie, ascoltando le istanze dei cittadini e traducendole in un cambiamento reale per la città. Il servizio educativo offerto ai più piccoli rappresenta un importante ambiente di crescita e socializzazione e un sostegno concreto ai genitori.

L’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Veronica Mammì ha tenuto a operare una riforma dell’accesso al servizio che permettesse un approccio più flessibile a vantaggio delle famiglie e dei più piccoli. La frequenza del nido è un’opportunità importante di socializzazione e scolarizzazione per i bambini ed è quindi fondamentale valorizzare questo servizio sul territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here