“Gli allagamenti nella città, cui abbiamo assistito in questi giorni, sono dovuti alle mancate manutenzioni delle caditoie e alla totale assenza dello spazzamento. Ovunque sono presenti cumuli di foglie, aghi di pino e rifiuti che intasano i tombini, non è possibile intervenire esclusivamente in emergenza. È inaccettabile che non sia stato ancora programmato un piano raccolta per il 2020. Ama è sotto organico ed i mezzi a disposizione sono insufficienti, mentre l’appalto privato è in scadenza. È evidente che in queste condizioni la città è destinata ad allagarsi ad ogni acquazzone. Si lascia l’AMA ormai stremata a combattere una battaglia impari senza mezzi e personale. La promessa avanzata più volte dalla sindaca di un servizio ben fatto è lontana dalla realtà se non vengono disposti piani adeguati e relativi finanziamenti. Abbiamo predisposto un’interrogazione urgente sui ritardi del piano foglie. Vorremmo sapere dalla sindaca Virginia Raggi e dalla giunta cosa intendono fare e quando intendono intervenire, per evitare la ‘via crucis’ che si registra ad ogni acquazzone”.Lo comunicano in una nota le consigliere del Pd capitolino Valeria Baglio e Ilaria Piccolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here