La Repubblica di Roma apre così la sua edizione odierna: “Differenziata, previsioni al ribasso. Ama: ‘Un sogno superare il 55 %’”. 

Nelle pagine interne altro titolo: “L’Ama contro il piano regionale: ‘Non faremo impianti o discariche'”.

Il quotidiano le parole di Massimo Ranieri, nel nuovo consiglio di amministrazione della municipalizzata con deleghe operative: “Ama non farà investimenti su impianti di trattamento meccanico biologico né su discariche“, spiega.

Per il 2019 il piano regionale rifiuti mette a disposizione dei comuni 6 milioni di euro per la realizzazione di nuovi impianti. “Noi li investiremo su impianti per la differenziata, perché questo cda vuole puntare sul porta a porta spinto, ma realistico, non su quello improponibile delle gestioni passate. La percentuale del 70% di differenziata per il 2021 è un’utopia, ma al 55% ci possiamo arrivare. Si tratta di salire di 10 punti in due anni”.

Via alle piattaforme di selezione per plastica, carta, vetro e altri materiali da differenziare. Tre piattaforme sono state approvate e presto andranno a gara. Per le altre si vedrà. “Perché il rifiuto differenziato — dice Ranieri — produce reddito e noi non possiamo lasciarlo ai privati”.

Sui rifiuti indifferenziati: “Sono ancora dell’idea che serva ogni tipo di impianti — risponde il manager — ma sfido chiunque a costruire nuovi impianti a Roma. Non c’è più spazio. Il fabbisogno della capitale è coperto dagli impianti che già esistono nel Lazio, che mi auguro siano stati inseriti nella pianificazione della Regione. D’altra parte Ama aveva contrattualizzato tutti gli impianti e con questi riusciva a coprire il fabbisogno della città. Il problema è che qualcuno non ha rispettato i patti”. Il riferimento è ancora alla Rida di Aprilia, che ha più volte dichiarato di non poter più accettare i quantitativi concordati con Ama perché non sapeva dove conferire gli scarti usciti dal suo impianto. “Quello non può essere un problema di Ama”, protesta Ranieri.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here