“Erano le 3:36 del 24 agosto 2016, quando la terra cominciò a tremare. Quella notte Amatrice fu rasa al suolo, ma furono 150 in totale i comuni che subirono dei danni. 300 persone persero la vita e tante famiglie tutto quello che possedevano. Un terribile sisma che ha coinvolto almeno altre 600mila persone tra Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo.
A tutti loro va il mio pensiero, così come un ringraziamento a vigili del fuoco, forze dell’ordine e volontari della protezione civile che portarono immediato soccorso da tutta Italia”.

Così in un post su Facebook il vicepresidente della Camera Ettore Rosato (IV).

“A 5 anni dal sisma, l’obiettivo deve essere quello di completare rapidamente la ricostruzione dei territori, di riportare finalmente le famiglie nelle loro case. La presenza del presidente Draghi oggi è la testimonianza di una rinnovata attenzione del governo e che finalmente questo obiettivo, grazie alle risorse disposte dal PNRR e al processo di semplificazione della normativa, è davvero sempre più vicino”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here