“Bene l’ok alle proposte della Lega inserite nel disegno di legge delega al Governo in materia di contratti pubblici. Grazie al nostro contributo ottengono il via libera iniziative concrete per semplificare la disciplina, con il duplice obiettivo di garantire chiarezza e sostegno alle nostre attività mettendo in risalto le nostre eccellenze. Approvata la proposta che tutela il Made in Italy nelle forniture pubbliche, garantendo la quota maggioritaria di prodotti italiani rispetto a quelli di altri paesi, e quella che impone la semplificazione delle regole che configurano l’illecito professionale, individuando precisamente le cause per l’esclusione dai bandi. Ottima notizia anche l’ok alla possibilità di suddividere o accorpare gli appalti in lotti, che valorizza le PMI e le micro imprese dei territori, ed il vincolo di un regime obbligatorio per la revisione dei prezzi al verificarsi di situazioni oggettivamente particolari ed imprevedibili, fondamentale per garantire l’aderenza dei costi al reale andamento del mercato. Siamo orgogliosi di aver ottenuto l’approvazione di queste iniziative di buonsenso, per le quali attendiamo fiduciosi il vaglio definitivo del Parlamento. Risultati tangibili che sono frutto di trattative con la maggioranza di Governo, sulla quale certamente non avremmo potuto incidere stando all’opposizione”.

Lo affermano in una nota i senatori della Lega in commissione Lavori pubblici: Simona Pergreffi (capogruppo e relatrice del provvedimento), Maurizio Campari, Stefano Corti, Gianfranco Rufa, Valeria Sudano.