“A seguito della richiesta della Prefettura abbiamo condiviso la necessità di aggiornare la seduta. Restano 15 giorni per dare garanzie ai lavoratori. E le aziende esterne, che lamentano mancati introiti a causa del dimezzamento delle utenze rispetto a quelle previste dal capitolato, hanno 10 giorni per fornire dati a sostegno di questa rimostranze”. Così in una nota Fp Cgil, Fit Cisl e Fiadel Roma e Lazio a conclusione dell’incontro tenuto ieri in Prefettura con Multiservizi, Isam e Sea, le tre società oggetto della procedura di raffreddamento attivata a seguito del rischio sul pagamento degli stipendi e dei primi licenziamenti di fine febbraio, a cui sono seguiti gli annunci di ulteriori esuberi.

Il grande assente di questa vicenda è Ama, che non solo non ha convocato le aziende e i sindacati come da noi richiesto, ma che sembra non avere alcun governo dell’appalto. I lavoratori sono stretti tra l’incudine e il martello, le informazioni che le due parti danno sono contraddittorie. Senza un chiarimento celere – concludono Fp Cgil, Fit Cgil è Fiadel – e garanzie su livelli occupazionali e salario, sarà sciopero”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here