“L’apprendistato è una leva importante di ripresa, e deve essere inserito nella più ampia strategia economica e di sviluppo sociale di una città metropolitana, collegando lo sviluppo delle competenze allo sviluppo socio-economico e alle politiche attive del lavoro. È anche strumento prezioso per assicurare l’accesso all’educazione e al lavoro di giovani più vulnerabili, e per questo lo abbiamo sostenuto anche e soprattutto in un momento di crisi: nonostante la contrazione dovuta alla pandemia, la Città metropolitana di Roma Capitale ha finanziato la formazione per l’apprendistato di circa 16 mila giovani nel biennio 2019-2020.

È in corso di stipula l’accordo con gli ordini dei commercialisti, che ci aiuteranno a raggiungere meglio le piccole imprese del territorio, e su questa linea stiamo lavorando ad accordi con associazioni di categoria e ordini professionali. Abbiamo creato tavoli territoriali con i Comuni per arrivare a patti locali per uno sviluppo più equo e sostenibile, mettendo al centro le competenze necessarie per un piano di ripresa centrato sulla transizione verde e digitale. Così come già anticipato dalla Sindaca Raggi nei mesi scorsi, abbiamo previsto l’inclusione dell’apprendistato come criterio sociale negli appalti pubblici, per incoraggiare più datori di lavoro a offrire apprendistati e altri programmi di formazione ai giovani.

Siamo consapevoli del ruolo che la Città metropolitana gioca nella ripresa regionale, raccogliendo il 74% della popolazione regionale (48% nella Capitale), e producendo il 76,6% del PIL regionale. La dimensione metropolitana è essenziale per il coordinamento e la definizione di una rete estesa e programmi che mettano in relazione imprese, istituzioni locali e agenzie cittadine, centri di formazione e sistemi educativi, definendo insieme a loro una “strategia metropolitana dell’apprendistato”. I Sindaci del territorio si trovano in una posizione unica per contribuire efficacemente alla mobilitazione degli attori locali in partenariati efficaci. Devono essere responsabilizzati, dando loro l’effettiva possibilità di modellare il sistema dell’apprendistato in modo che sia utile alla loro economia e alla comunità locale.

Su questi temi abbiamo l’opportunità di condividere azioni e linee comuni con le altre città e città metropolitane europee. Con la Rete europea delle Città per l’Apprendistato, sono aperti i tavoli di lavoro per lo sviluppo di un documento complessivo che rafforzi il ruolo di questo livello di governo nell’attuazione delle politiche complessive per lo sviluppo del territorio e le politiche attive del lavoro”. Un lavoro che richiede grande impegno, ma che siamo sempre più convinti essere strategico per l’avanzamento delle nostre comunità.

Così Teresa Zotta, Vice Sindaco Città metropolitana di Roma Capitale, intervenuta questa mattina all’evento della Commissione Europea e del Comitato delle Regioni (CoR), “Apprendistati di alta qualità per tutti. Il ruolo delle regioni e delle città”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here