Tre milioni di euro in tre anni per promuovere la nascita di nuovi Open Innovation Center e per favorire il trasferimento tecnologico e di competenze dal mondo della ricerca a quello delle imprese, creando forme stabili di collaborazione con il mondo dell’Università e della Ricerca, partner industriali, enti pubblici e privati e promuovendo innovazione digitalizzazione e sostenibilità

Via libera oggi in Consiglio Regionale alla Legge Regionale proposta dal consigliere Enrico Forte che promuove la diffusione nel Lazio degli Open Innovation Center. Lo scopo è quello di diffondere l’innovazione aperta, ossia un approccio all’innovazione in cui le imprese, per creare maggior valore e competere meglio, scelgono di ricorrere – oltre che alle attività interna di ricerca e sviluppo – a idee, soluzioni, strumenti e competenze tecnologiche esterne, provenienti da università, istituti di ricerca, start up, consulenti.

La Regione con questo provvedimento sostiene – lavorando assieme ad altri soggetti pubblici e privati e in sinergia con le attività già svolte dagli Spazi Attivi regionali – la creazione sul territorio di Open Innovation Center, promuovendo accordi con Comuni, Università, associazioni di categoria e di impresa per l’eventuale concessione in comodato d’uso o a titolo agevolato di immobili disponibili, anche riqualificando aree industriali dismesse o inutilizzate. Un’azione che vuole contribuire a favorire il trasferimento tecnologico e di competenze dal mondo della ricerca a quello delle imprese, oltre alla diffusione di processi e metodi innovativi, della digitalizzazione e delle pratiche sostenibili.

A disposizione per queste azioni 3 milioni di euro per il triennio 2021-2023.

Questa legge regionale è un provvedimento importante per l’ecosistema produttivo della nostra Regione – ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneliperché promuove un cambiamento fondamentale, il passaggio alla Open Innovation, portando così le imprese del Lazio, specie le più piccole, ad aprirsi a forme stabili e strutturate di collaborazione con il mondo dell’alta formazione e della ricerca e con player industriali di maggiori dimensioni. Questo è uno dei tasselli del nuovo modello di sviluppo al quale stiamo lavorando, basato su un’economia che sia integrata e, appunto, aperta a nuovi stimoli e a un diverso modo di immaginare la crescita. Grazie di cuore al consigliere Enrico Forte e a tutto il Consiglio Regionale che ancora una volta ha approvato una norma importante e innovativa che ci aiuterà a far ripartire l’economia della nostra regione”, ha concluso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here