“Preoccupati della prossima uscita dei bandi di gara di appalto dei servizi aggiuntivi dei beni culturali romani stiamo chiedendo incontri specifici alle committenze del ministero dei Beni Culturali, di Roma Capitale e della Regione Lazio”. Così, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio, la Filcams Cgil di Roma centro ovest litoranea e il Nidil Cgil di Roma e del Lazio.
“Riteniamo infatti necessario – continua la nota – mettere in atto una contrattazione di anticipo e inclusiva che, intervenendo sui bandi di gara, garantisca l’eliminazione del massimo ribasso e la salvaguardia occupazionale delle lavoratrici e dei lavoratori che attualmente svolgono attività nei numerosi musei e luoghi d’arte della nostra città e della nostra regione”.

“A ciò si aggiunge l’esigenza di operare un salto di qualità, riconoscendo a tutti i lavoratori del settore le professionalità acquisite a partire da quelli più precari. Solo rispettando i diritti e migliorando le condizioni di lavoro si potrà ottenere una maggiore qualità dei servizi nei luoghi d’arte. Stiamo parlando delle migliaia di lavoratrici e lavoratori impiegati come guida didattica o nelle biglietterie e librerie dei siti e musei dell’area archeologica romana e del Colosseo, della Galleria Borghese, delle Scuderie del Quirinale, di Palazzo Barberini, Palazzo Corsini, Villa Spada, Castel Sant’Angelo e tanti altri siti.

“Il binomio turismo-cultura dovrebbe essere un punto di eccellenza per lo sviluppo dell’industria turistica e il rilancio di questa città e pertanto necessita di un forte investimento da parte delle istituzioni committenti.

“Un primo esito è dato da un riscontro positivo da parte delle direzioni dell’area archeologica romana e del Colosseo e di Palazzo Barberini che hanno dichiarato di voler applicare la clausola sociale per la salvaguardia dei posti di lavoro. Continueremo su questa strada per cercare di garantire a tutte le lavoratrici e lavoratori dei servizi aggiuntivi la massima tutela e il rispetto delle loro competenze e condizioni di lavoro a ogni cambio di appalto”, conclude il comunicato del sindacato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here