La ricerca della perfezione è diventata un’ossessione in una società in cui sempre più spesso si pone in risalto l’aspetto esteriore rispetto a quello interiore. Ma chi stabilisce le regole della bellezza?
Il cantautore Paolo Audino, celebre per aver firmato numerosi successi canori per Mina e Celentano, Amedeo Minghi e tanti altri, esprime in musica il suo punto di vista ed invita a non curarsi degli stereotipi che inquadrano la donna in comportamenti e canoni di bellezza con un brano, “Bionda Tinta”, nel quale si mescolano ironia e doppi sensi con lo scopo di stimolare la riflessone su un tema delicato come il body shaming. 
Un tormentone estivo, decisamente fuori dagli schemi per questo artista raffinato, che ha deciso di girare anche un video colorato ed allegro insieme all’attrice comica reatina Emanuela Petroni, appena rientrata dal set del nuovo film di Franco Nero con Kevin Spacey, fiera del suo essere curvy e decisa a sottolineare  l’importanza di non perdere di vista i propri doni, ovvero quei talenti personali che ognuno di noi possiede. “Avevo molte riserve sul pubblicare o meno questo brano che – dichiara Paolo Audino – potrebbe sembrare al pubblico distante dalla mia linea autorale. In realtà questo lato goliardico, ironico e scanzonato di vedere le cose mi caratterizza da sempre.  E così ci ho pensato a lungo e alla fine mi sono detto che forse certi messaggi arrivano più diretti se legati ad un sorriso”. 
Una canzone divertita e divertente, che nel suo piccolo racchiude una denuncia contro l’effimera convinzione che per piacere agli altri si debba negare la propria personalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here