Reintrodurre nell’organico di Roma Capitale la figura specialistica dell’Operatore educativo per l’autonomia e la comunicazione (O.E.P.A.), dedicata all’integrazione e al sostegno degli allievi con disabilità. Figure professionali, impiegate a supporto del corpo docente all’interno delle scuole, che vanno valorizzate. Questi i capisaldi su cui si basa la Memoria approvata dalla Giunta capitolina.

 

“È nostra priorità riconoscere e valorizzare questi professionisti, da sempre in prima linea nell’educazione dei più giovani. Questo è il primo, ma fondamentale tassello amministrativo del percorso di reinserimento nella pianta organica di Roma Capitale di una figura professionale importante per il sostegno degli studenti con disabilità, in un’ottica di inclusione”, dichiara la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

 

“Questa operazione ha una valenza significativa: porre la massima attenzione verso quei settori nevralgici che, negli anni, hanno sofferto tagli indiscriminati al personale. L’atto approvato è il primo, necessario passo, per il reinserimento di questa figura importantissima, dedicata allo sviluppo formativo e all’inclusione di bambini e ragazzi con disabilità nelle scuole. Mettiamo al centro la persona: da un lato, gli alunni fragili, cui riconosciamo il diritto alla continuità educativa, dall’altro valorizziamo la figura professionale degli O.E.P.A.”, aggiunge l’assessore al Personale, Antonio De Santis.

 

“Questa Memoria nasce dalla sinergia e comunanza d’intenti con l’Assemblea Capitolina, che in data 16 ottobre 2020 ha approvato l’Ordine del Giorno n. 152, volto appunto ad avviare il processo di reinserimento della figura O.E.P.A. in organico, conformemente alle normative vigenti. Vogliamo dare voce agli operatori di settore e alle famiglie dei ragazzi con disabilità, dimenticati per decenni”, conclude Teresa Maria Zotta, presidente della Commissione Scuola di Roma Capitale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here