“La situazione relativa alla gestione della proliferazione dei cinghiali all’interno dei confini comunali di Roma coinvolge profili giuridici ed operativi piuttosto complessi. A seguito di un lungo processo di approfondimento e studio, in numerosi incontri congiunti presso la Prefettura di Roma, è stato condiviso nel 2019 un protocollo operativo tra le Istituzioni competenti: Regione, Comune, Città metropolitana, ASL, al quale hanno contribuito anche ISPRA, Ministero della Salute, che prevede anche l’ausilio delle Forze dell’ordine nazionali. È in tale perimetro che si opera, ciascuno nel rispetto dei compiti assegnati dal protocollo operativo”. Così il Vice Sindaco della Città metropolitana di Roma, Teresa Zotta.
“Stigmatizziamo con forza quanto accaduto ieri in via Gregorio VII: la Polizia Metropolitana opera a valle del processo decisionale, in capo a Regione e Comune, ed è tenuta esclusivamente alle operazioni materiali di cattura dei cinghiali, o con le gabbie o con la teleanestesia, utilizzando dardi sparati con carabina il cui quantitativo del narcotico è stabilito dai veterinari presenti, in ragione della stazza dell’animale, al fine di consentirne la sola sedazione, per il successivo prelievo dell’animale in sicurezza.
Appena avuto notizia dal comandante della Polizia provinciale dell’operazione in atto ho raccomandato la massima cautela e attenzione affinchè tutto fosse condotto nel rispetto massimo del protocollo e con la professionalità che contraddistingue gli agenti.

Chi opera all’interno di un quadro condiviso, svolgendo unicamente i propri doveri istituzionali, con l’obiettivo primario di garantire la pubblica sicurezza ai cittadini, non può essere aggredito né essere ritenuto diretto responsabile”, conclude Zotta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here