Un progetto che ha riqualificato e consentito di catalogare volumi importanti in una rete di relazioni e doni degli ex Presidenti, Consiglieri provinciali, studiosi che hanno consentito oggi di avere una memoria storica nel centro culturale della Città metropolitana a Villa Altieri. Un lavoro di catalogazione che si trasforma in una mostra accessibile, per porre questa biblioteca come riferimento delle comunità locali.

La Biblioteca Istituzionale e l’Archivio storico, in questo periodo difficile, hanno comunque reso un servizio di accompagnamento e approfondimento a tutti coloro che nel corso di questi mesi si sono visti costretti al confinamento dentro le proprie case. Ai cittadini è stata data la possibilità di consultare il catalogo, di richiedere informazioni bibliografiche ed archivistiche.

Inoltre sono state progettate e realizzate mostre bibliografiche multimediali e video  in modalità web con l’intento di raggiungere cittadini, studiosi, docenti e studenti, per far conoscere e promuovere la ricchezza storico-artistica di quel territorio che la Città metropolitana è chiamata a tutelare.

“Un lavoro straordinario che mette insieme non soltanto la storia di questo Ente, ma segna il tratto di chi l’ha governato per tanti anni con il buon esempio che si è tradotto nelle buone pratiche amministrative. La politica tracciata dal Sindaco Roberto Gualtieri punta molto sul valore del nostro patrimonio che si traduce in azioni volte a migliorare la qualità della vita dei cittadini che amministriamo, in particolar modo con i giovani che si stanno formando nelle nostre scuole superiori, che consideriamo al primo posto nell’agenda politica ed amministrativa di questo Ente. Per questo il buon esempio di cento anni di storia cultuale e politica che raccontiamo in questa mostra, deve essere appannaggio positivo della comunità del nostro presente”.
Così in una nota Pierluigi Sanna, Vice Sindaco della Città metropolitana di Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here