Ministeri, Regioni e scuola: aumenti top con il cuneo fiscale”, è l’apertura de Il Sole 24 Ore. Nel 2020 bonus da 600 euro ai ministeriali, 483 negli enti locali e 441 agli insegnanti. Dal 2021 bonus strutturale di 1.200 euro sotto i 28mila. Oltre detrazioni da ridefinire. Gualtieri: “Il taglio non è sperimentale, sarà rafforzato con la riforma fiscale”.

A pagina 4: “Cuneo e Pa, aumenti top per ministeri e scuola”. Gli sgravi sul lavoro. Da luglio l’incremento del netto in busta paga tra 5,79 e 100 euro scatterà anche per 3,1 milioni di dipendenti pubblici. I comparti. Tra i beneficiari maggiori anche i lavoratori degli enti pubblici economici e quelli di Regioni, autonomie locali, vigili del fuoco.

Il quotidiano evidenzia in una tabella come cambia la busta paga nella pubblica amministrazione:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altro titolo: “Dal 2021 bonus strutturale di 1.200 euro sotto i 28mila. Sopra, detrazione da ridefinire”. Cgil, Cisl e Uil: bene l’aumento delle retribuzioni dei lavoratori ma ora avanti con la riforma dell’Irpef. Cer e Confesercenti stimano un impulso positivo del taglio del cuneo sui consumi di 3 miliardi in più all’anno.