Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha illustrato, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, le nuove misure per l’emergenza da Covid19:

Continueremo ad applicare il sistema che prevede le regioni colorate arancioni gialle e rosse: sta funzionando, si sta rivelando efficace, ci permette di dosare i nostri interventi. Le misure sono adeguate e proporzionate al livello di rischio effettivo del territorio senza penalizzazione.

Nel giro di un mese abbiamo piegato la curva dei contagi, riportando l’indice Rt sotto 1. Registriamo anche meno accesso ai ricoveri e alle terapie intensive, è logico pensare quindi che se si continua così nel giro delle prossime due settimane tutte le regioni potrebbero essere gialle. Stiamo evitando lockdown generalizzato come quello di primavera. Questi risultati ci confortano ma c’è un aspetto che non ci può far abbassare la guardia: le Festività natalizie. Se non staremo attenti saremo di nuovo in pericolo.

Ci saranno ulteriori restrizioni nel periodo 21 dicembre 6 gennaio. Vietati tutti gli spostamenti tra Regioni anche per raggiungere le seconde case.

Gli italiani che andranno all’estero per turismo dovranno sottoporsi alla quarantena al rientro. Nello stesso periodo ci sarà lo stesso obbligo per i turisti stranieri. Gli impianti sciistici resteranno chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio, mentre dal 21 dicembre al 6 gennaio saranno sospese le crociere. Dal 7 gennaio saranno riaperte le scuole superiori di secondo grado, con didattica in presenza fino al 75%.

In zone gialle bar e ristoranti saranno aperti a pranzo, nelle zone arancioni e gialle solo per asporto e consegne a domicilio, ma potranno essere aperti anche a Natale e Santo Stefano. Gli alberghi rimangono aperti ma il 31 dicembre i ristoranti chiuderanno alle 18 e sarà consentito solo il servizio in camera. I negozi saranno aperti fino alle 21, nei giorni festivi e prefestivi, dal 4 dicembre al 15 gennaio, all’interno dei centri commerciali saranno aperti solo negozi di generi essenziali (alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, tabacchi, edicole e vivai)

 

Fino al 31 dicembre sarà attivo il Cashback di Natale che prevede il rimborso del 10% fino a 150 euro di spese per chi paga con bancomat o carta di credito. Per usufruire del servizio bisogna scaricare l’app Io. Occorre impegno e attenzione. Dobbiamo continuare lungo questa strada. Dobbiamo attendere il vaccino e le cure monoclonali. È chiaro che questo sarà un Natale diverso da tutti gli altri, ma non meno autentico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here