“Siamo al primo giro di boa: registriamo, per la prima volta, alcuni passi in avanti, anche se insufficienti, rispetto all’immobilismo fin qui dimostrato da Abi che ci permettono di proseguire nel confronto. Valuteremo complessivamente il rinnovo del contratto nazionale soltanto quando potremo verificare in concreto ulteriori disponibilità di Abi, a partire dall’offerta economica di 135 euro di aumento che è insufficiente. La decisione unitaria di proseguire nella trattativa rappresenta comunque un passo in avanti che ci permette, per ora, di evitare azioni di lotta e una conseguente mobilitazione della categoria. La strada rimane ancora lunga e difficile. Ma abbiamo la consapevolezza che esistono gli spazi per avvicinarci il più possibile alle richieste presenti nella piattaforma rivendicativa”. Lo dichiara il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni, dopo l’incontro di oggi in Abi per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dei bancari. I prossimi due incontri, in Abi, previsti per il 20 e il 28 novembre a Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here