2 persone arrestate, 4.046 persone identificate, di cui 17 denunciate in stato di libertà; 91 pattuglie impiegate a bordo treno e 468 in stazione; 213 treni scortati e 16 contravvenzioni amministrative elevate, di cui 9 al regolamento di Polizia Ferroviaria. Questo è il bilancio dell’attività della Polizia Ferroviaria del Compartimento per il Lazio nel corso della settimana scorsa, dei controlli nel “territorio ferroviario” in ambito regionale.

Nella giornata del 16 dicembre, una cittadina straniera è stata sorpresa all’interno di un locale commerciale della Stazione Roma Termini, con al seguito alcuni capi di abbigliamento ai quali aveva asportato la placca antitaccheggio danneggiando i capi. Avvicinata dai poliziotti avvisati dal personale dell’attività commerciale, è stata sottoposta ad un controllo e denunciata in stato di libertà per il reato di tentato furto.

Il 17 dicembre, un cittadino straniero è stato denunciato in stato di liberta, in quanto oltre a mettere in serio pericolo la propria incolumità, in prossimità dello scalo FS di Orte, veniva sorpreso a camminare lungo la linea ferroviaria Roma Firenze causando il blocco temporaneo della circolazione.

Nella stessa giornata, un cittadino italiano, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato  di una borsa, all’interno della Stazione Roma Termini, quando approfittando della distrazione di una turista straniera intenta consumare un pasto seduta al bancone del bar, si è appropriato della borsa della stessa, che una volta recuperata dai poliziotti è stata restituita alla proprietaria.

Il 18 dicembre un cittadino italiano è giunto nello scalo di Roma Termini a bordo di un treno Alta Velocità, privo di titolo di viaggio, inoltre ha molestato personale Fs, che ha avvisato la locale Sala Operativa.

Rintracciato dai poliziotti all’arrivo del convoglio, ha opposto resistenza ed oltraggiato gli operanti che pertanto lo hanno denunciato in stato di libertà. A carico dello stesso oltre a numerosi precedenti di Polizia, anche un foglio di via obbligatorio dal comune di Roma.

Il 19 dicembre, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Roma Termini, due stranieri sono stati tratti in arresto da personale della Polizia Giudiziaria del Compartimento Polfer per il Lazio, in quanto sorpresi a cedere un quantitativo di sostanza stupefacente ad un altro cittadino straniero.

Nel dettaglio, i poliziotti, allarmati dal fare sospetto dei due stranieri, hanno seguito i loro movimenti. Infatti, di li a breve sono stati avvicinati da un’altra persona, anch’essa straniera che, dopo un breve conciliabolo ha tirato fuori dalla tasca dei soldi ed ha avuto in cambio dai due una piccola bustina, contenente come accertato successivamente, sostanza stupefacente. Bloccato l’acquirente, questi ha consegnato spontaneamente la sostanza, e i due spacciatori sono stati immediatamente arrestati.

Il 20 dicembre, una cittadina romena è stata denunciata perché, sottoposta ad un controllo in quanto ha infastidito gli utilizzatori dello scalo, la stessa è risultata inottemperante al foglio di via obbligatorio dal comune di Roma.

La stessa persona è stata nuovamente sottoposta a controllo nello scalo ferroviario di Roma Termini anche in data 22 dicembre e nuovamente denunciata in stato di libertà.

Inoltre, nel pomeriggio del 22 dicembre, due straniere di etnia “rom” sono state denunciate per furto in concorso di un articolo esposto all’interno del negozio “SEPHORA”.

Attraverso un’attenta visione delle telecamere interne all’attività commerciale, gli Agenti hanno notato che una delle due donne, in maniera repentina, celava all’interno della sua borsa un articolo in esposizione e si allontanava velocemente eludendo il sistema di allarme.

Personale di sicurezza interna ha chiesto ausilio agli Agenti intervenuti i quali hanno provveduto a bloccare la straniera rimasta sul posto ed a condurla nei propri uffici dove si è appurato che la borsa al seguito della stessa conteneva una schermatura per raggirare i sistemi di sicurezza.

Identificate entrambe, sia con l’ausilio del sistema di sorveglianza che con la visione dell’album di individuazione fotografica, confermato dall’addetto alla sicurezza interna dell’attività che ha permesso di accertare l’identità della straniera fuggita, sono state deferite all’autorità giudiziaria.

Sempre nella giornata del 22  dicembre, presso lo Scalo Ferroviario di Roma Termini, personale operante ha proceduto alla denuncia in stato di libertà nei confronti di una cittadina straniera, nota a questi uffici per la sua attività di mendicità ed accattonaggio  in stazione, la quale si è resa responsabile del reato di estorsione.

Nello specifico, la donna dopo aver aiutato un gruppo di turisti stranieri nell’acquisto dei biglietti di viaggio attraverso le macchinette automatiche, si tratteneva gli stessi pretendendo in cambio la somma di 50 euro.

Soltanto dopo aver estorto il denaro, la stessa ha consegnato i biglietti agli aventi diritto.

Gli Agenti operanti, avvisati dell’accaduto dal malcapitato, hanno rintracciato immediatamente all’interno dello scalo la donna, accompagnandola successivamente nei propri uffici per gli accertamenti di rito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here