Le Associazioni di categoria Assoturismo Confesercenti Roma e Lazio e Fiavet Lazio, sono estremamente preoccupate  per le ripercussioni sull’economia del comparto turistico del Lazio e in primis su Roma.

Cinzia Renzi presidente Assoviaggi e Ernesto Mazzi presidente Fiavet Lazio dichiarano: “Tutte le imprese turistiche dalle Agenzie di Viaggio alle imprese ricettive, le guide, gli Accompagnatori Turistici, i Trasporti e tutta la filiera, stanno subendo dei danni economici mai registrati in precedenza.”

Se non si interviene tempestivamente,  continuano i Presidenti, con delle misure straordinarie a sostegno delle imprese e a tutela dei lavoratori del settore, si perderanno migliaia di posti di lavoro con una decrescita sostanziale del Pil del Lazio che ad oggi è di circa il 12%”.

L’incoming registra grosse  perdite tradotte in cancellazioni che arrivano al 90% per il mese di marzo ed altissime percentuali sulle prenotazioni fino a giugno nonché un  crollo delle prenotazioni fino al 60%.

Ma la crisi delle agenzie di viaggi che nel Lazio sono circa 2000 imprese, è aggravata dalla chiusura di alcune frontiere e alla messa in quarantena per i nostri connazionali all’estero e quindi anche per l’outgoing non solo si registrano  cancellazioni per le partenze immediate ma anche per quelle dei mesi successivi oltre a un forte stallo delle prenotazioni future.

Grande preoccupazione è data anche dalla cancellazione dei numerosi eventi e congressi e delle gite scolastiche .

Assoturismo Roma e Lazio e Fiavet Lazio chiedono alle Istituzioni Regionali e Nazionali un intervento immediato e concreto a sostegno e mantenimento delle imprese e dei posti di lavoro:

1) Accesso agevolato per le imprese agli ammortizzatori sociali esistenti (Cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga senza un numero minimo di partecipanti, solidarietà, etc) e a Fondi di sostegno al reddito (es. FIS – fondo di integrazione salariale, Fondi Bilaterali), estendendo tali misure anche alle PMI;

2) Riduzione IRAP

3)  Accesso agevolato al credito e  sospensione del pagamento delle rate dei mutui;

4) Istituzione di aiuti speciali per gli organizzatori di viaggi (tour operator e agenzie di viaggi) che consentano di coprire le perdite derivanti dall’acquisto di servizi relativi a viaggi cancellati, di superare le difficoltà nei flussi di cassa e di mantenere l’operatività aziendale in una situazione di forte contrazione dei volumi;

5) Differimento del pagamento dei contributi previdenziali e del pagamento delle      imposte dirette e indirette per un periodo coincidente col perdurare della crisi e, comunque, non inferiore a dodici mesi come già avvenuto per gli eventi sismici;

Inoltre  Assoviaggi  e Fiavet Lazio in accordo con Assohotel-Confesercenti,  chiedono ai sindaci dei comuni del Lazio ove è istituita la tassa di soggiorno, e al sindaco di Roma Virginia Raggi di stornare una parte dell’incasso  della tassa di soggiorno e di accesso dei Pullman Turistici a sostegno delle imprese della filiera turistica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here