“La tutela della salute degli operatori sanitari impegnati nel lavoro di cura dei pazienti e nel contrasto all’epidemia da COVID-19 è impegno prioritario della Regione Lazio. La richiesta delle organizzazioni sindacali di aumentare la protezione e la sorveglianza sanitaria degli operatori anche con una programmazione più ampia del numero di tamponi o di altre indagini diagnostiche predittive, in particolare nei reparti in cui vi sono stati episodi di casi positivi, è alla nostra attenzione e abbiamo già chiesto una valutazione agli organi scientifici preposti al termine della quale faremo una disposizione regionale. Il tema dei tamponi come ricordano le OO.SS. è un tema che riguarda anche scelte di carattere nazionale, ma come Regione Lazio intendiamo comunque tutelare gli operatori sanitari di tutte le strutture che sono il capitale umano più importante in questo momento drammatico nella storia del Paese”.

Lo comunica l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here