L’assessore regionale alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato ha fatto il punto sull’allarme coronavirus in un’intervista al Corriere di Roma: “Nel Lazio non c’è nessuna preoccupazione – assicura -. Abbiamo messo a punto una sorveglianza capillare e siamo sempre in allerta. Il problema non è una partita di calcetto. Tutte le strutture sanitarie sono a conoscenza della situazione e fanno un’analisi epidemiologica sui pazienti sospetti. In più, unica regione in Italia, abbiamo attivato una piattaforma – Advice – dove i medici dialogano direttamente con lo Spallanzani e dove, al minimo sospetto, scatta l’allerta. Inoltre una specifica task force si riunisce quotidianamente. E finora sembra stia funzionando. Poi certo, tutto può capitare. In aeroporto sono attivi i controlli già da tempo. Borrelli (Angelo, capo della Protezione civile, ndr) ha previsto di inserirli anche nelle stazioni, per circoscrivere i contagi. I due cinesi ricoverati? Diciamo che presto si dichiarerà la loro guarigione. E che se fossero rimasti in Cina sarebbero andati più probabilmente incontro a delle complicanze. E non solo…. Cos’altro? «Oltre ai 68 pazienti controllati allo Spallanzani, avevamo attivato un’assistenza sanitaria domiciliare per 70 cittadini cinesi. Ora hanno tutti concluso il periodo di quarantena. E sono tutti negativi ai test”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here