“Oggi ‘festeggio’ 14 giorni consecutivi al letto con il #COVID19, di cui gli ultimi 5 in terapia intensiva. Sono circondato di persone che soffrono e lottano per la vita: sedate, intubate, pronate. Questo è il virus: ricordiamocelo. Il mio editoriale su @LaStampa”. Questo l’accorato messaggio lanciato via Twitter dal direttore de La Stampa, Massimo Giannini. 

Nel suo editoriale Giannini racconta: “Quando sono entrato in questa terapia intensiva, cinque giorni fa, eravamo 16, per lo più ultrasessantenni. Oggi siamo 54, in prevalenza 50/55enni. A parte me, e un’altra decina di più fortunati, sono tutti in condizioni assai gravi: sedati, intubati, pronati. Bisognerebbe vedere, per capire cosa significa tutto questo. Ma la gente non vuole vedere, e spesso si rifiuta di capire”.

“Oggi ‘festeggio’ quattordici giorni consecutivi a letto, insieme all’ospite ingrato che mi abita dentro – fa sapere Giannini -. Gli ultimi cinque giorni li ho passati in terapia intensiva, collegato ai tubicini dell’ossigeno, ai sensori dei parametri vitali, al saturimetro, con un accesso arterioso al braccio sinistro e un accesso venoso a quello destro”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here