“L’Agenzia di Protezione Civile del Lazio in queste settimane ha collaborato a stretto contatto con la Procura di Taranto in merito ad una indagine che ha portato al sequestro di una partita di camici consegnato dalla società Biolife e alla conseguente risoluzione del contratto stipulato dalla Regione. In accordo con l’Autorità giudiziaria nessuno di questi dispositivi è stato mai distribuito. Inoltre, la Regione Lazio non ha subito alcuna conseguenza finanziaria poiché l’anticipo di 2,8 milioni di euro versato per la fornitura di camici è stato interamente coperto. L’Agenzia di Protezione Civile del Lazio, infatti, per rientrare dell’anticipo non ha saldato una fornitura di mascherine, autorizzate e conformi, provenienti della stessa società”.

 

Così in una nota la Regione Lazio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here