“Corso Francia sotto inchiesta”. Apre così la sua edizione odierna il Corriere di Roma. Verifiche dei vigili sull’illuminazione della strada. Il gip: «Colposamente insufficiente».

A pagina 2: “Adesso corso Francia finisce sotto inchiesta: «Luci insufficienti»”. Il gip che ha disposto l’arresto di Genovese ne ha sottolineato la pericolosità: i vigili nel rapporto l’avevano messo in evidenza. Le accuse di residenti e automobilisti.

L’osservazione del giudice – ripetuta peraltro più volte nel suo provvedimento cautelare – gettano più di un’ombra sulla situazione di quel maledetto incrocio – si legge sul quotidiano -. Al punto che i vigili urbani saranno chiamati a svolgere adesso, all’indomani della tragedia delle due sedicenni della Collina Fleming travolte e uccise dal figlio del regista Paolo Genovese, una serie di accertamenti per capire se davvero l’illuminazione su corso Francia sia adeguata in particolare al flusso di veicoli sull’arteria ad alto scorrimento che arriva fino ai Parioli. Residenti e automobilisti hanno più volte ripetuto in questi giorni drammatici che, oltre alla mancanza di autovelox, sono proprio le luci tenui, a ridosso peraltro del viadotto dell’Olimpica e delle rampe d’accesso in direzione stadio, a preoccuparli maggiormente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here