La Corte dei Conti –  sezione regionale di controllo per il Lazio della Corte dei Conti presieduta da Roberto Benedetti -, ha parificato il rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2018. “La Regione è riuscita a contenere la tendenza espansiva dei costi del settore sanitario (pur se emerge un aumento degli stessi nell’anno 2018 rispetto agli anni precedenti) e ad avviare un’azione di risanamento strutturale che ha consentito di ridurre in maniera rilevante il debito del comparto sanitario che, dagli 8,08 miliardi di euro del 2012 è passato a 3,51 miliardi”, si legge nella relazione in udienza. “Il risultato di amministrazione per il 2018 è pari a euro 730.481.745,22 in netto miglioramento rispetto a quello del 31 dicembre 2017 ammontante a – 450.019.511,15 euro”, riporta la requisitoria del procuratore regionale della Corte dei Conti.

Esulta il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “La Corte dei Conti promuove i conti della Regione Lazio. A qualcuno può sembrare una cosa scontata. Non lo è: 6 anni fa, quando siamo arrivati, il Lazio era vicino al fallimento. Eravamo tra le ultime regioni per i tempi di pagamento alle imprese e ora siamo al secondo posto. Oggi avere i conti in ordine non è una vittoria astratta, ma significa che possiamo investire per creare lavoro e sviluppo e aumentare i servizi. In poche parole: migliorare la vita delle persone. Per me la Politica serve a questo”, ha scritto su facebook il governatore.

Sul suo sito internet, invece, Zingaretti ha affermato: “Oggi la Corte dei Conti ha riconosciuto il lavoro di questi anni per il risanamento del Lazio. Per la prima volta dopo 12 anni il bilancio della sanità del Lazio è in attivo e il Lazio –che era tra le ultime in Italia- oggi è tra le prime Regioni del Paese per velocità nei tempi di pagamento ai Comuni e alle imprese. Sono risultati straordinari: basta pensare che nel 2013 i tempi medi erano di 1.023 giorni.

Risanare i contri vuol dire aiutare le persone a vivere meglio in una comunità. Lo dice oggi la Corte dei Conti e per il Lazio è una grande soddisfazione perché il buon governo paga e aiuta le persone. Oggi quindi on c’è solo la parifica ma c’è il riconoscimento di un lavoro  molto
importante fatto in questi anni.

La Corte dei Conti ha dichiarato regolare il rendiconto della Regione Lazio dicendo che sono maturi i tempi per la chiusura del commissariamento: dopo anni la Regione potrà ritornare finalmente a un regime di normalità anche nella sanità, che consentirà di avere più risorse e di andare avanti con l’assunzione di nuovo personale nei nostri ospedali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here