“L’impegno dell’Amministrazione Raggi per la riapertura delle scuole in totale sicurezza e per garantire un servizio scolastico efficiente e funzionale è stato, è e sarà massimo, soprattutto in un momento emergenziale e delicato come quello che stiamo attraversando.
A riprova di ciò, i dati comunicati dall’assessora alla Persona, alla Scuola e Comunità solidale Veronica Mammí e dall’assessore al Personale Antonio De Santis in occasione della seduta odierna della Commissione Scuola”.

Lo dichiara, in una nota stampa, la presidente della Commissione Scuola di Roma Capitale Teresa Maria Zotta.

Roma Capitale, infatti, ha stanziato ben 20 milioni di euro per assicurare una riapertura puntuale e sicura delle scuole in periodo covid, istituendo una cabina di regia che studiasse le soluzioni più idonee in tal senso e garantisse il monitoraggio costante della situazione nei vari Municipi – continua Zotta -. Sul fronte dei dispositivi di sicurezza, tutti i Municipi risultano in regola con la fornitura dei DPI e dei termoscanner, eccetto qualche criticità in via di risoluzione riscontrata nel IV e nel VII. Stesso dicasi sul tema sanificazioni, tutte autorizzate laddove siano state richieste e per quanto concerne l’istituzione delle commissioni e la nomina dei referenti covid, avvenute in ciascun Municipio ad eccezione del I, che attende il nome del referente dai sindacati e del II, che continua a non pronunciarsi al riguardo. Inoltre, abbiamo introdotto la prassi della misurazione della temperatura corporea anche nelle scuole dell’infanzia, oltre che nei nidi.
Menzione a parte merita il discorso sul personale educativo e scolastico di Roma Capitale, su cui la nostra Amministrazione ha svolto un lavoro senza precedenti a partire dal 2017, quando sono state stabilizzate ben 1.600 tra insegnanti ed educatrici fino a quel momento precarie. Non solo: nel corso degli anni abbiamo indetto altre due procedure di stabilizzazione, il cosiddetto bando ’50+50′ finalizzato a rendere effettivo e indeterminato il rapporto di lavoro con 50 insegnanti e 50 educatrici. Le 50 insegnanti sono già state assunte mentre, per quanto riguarda le 50 educatrici, vi è stata la pubblicazione della graduatoria il mese scorso e i relativi contratti saranno firmati entro i primi mesi di dicembre.
Sul personale educativo e scolastico, è opportuno ricordarlo, Roma Capitale ha stanziato ben 9 milioni di euro soltanto in relazione al periodo emergenziale tuttora in corso, potenziando l’organico con 3.000 insegnanti a tempo determinato fino a dicembre con possibilità di rinnovo fino al termine dell’anno scolastico. Inoltre, sempre al fine di garantire un servizio ottimale ed efficiente, abbiamo attivato il canale delle mad (messe a disposizione) in caso di esaurimento delle graduatorie municipali. Sempre entro il mese di dicembre, infine, avrà luogo la pubblicazione della graduatoria unica per quel che concerne le supplenze o inserimenti a tempo indeterminato nell’ambito dei piani assunzionali futuri predisposti dall’ente.
Nulla è lasciato al caso e ogni singolo aspetto è costantemente attenzionato. Ringrazio gli assessori De Santis e Mammí, il Dipartimento Politiche Educative e Scolastiche e i Municipi presenti per aver preso parte alla Commissione Scuola odierna”, conclude Zotta.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here