“Crediti con la Pa, le imprese potranno ancora compensare i debiti fiscali”. Titola così in prima pagina Il Sole 24 Ore.

A pagina 5: “Crediti con la Pa, nuova chance per compensare debiti fiscali”. Decreto fiscale. Tra gli emendamenti dei relatori spunta la riapertura per il 2019 e il 2020. In arrivo il 730 accessibile anche a chi ha solo redditi da lavoro occasionale autonomo.

Riaprire le compensazioni tra crediti commerciali con la Pa e debiti tributari iscritti a ruolo. Sostenere con l’8 per mille destinato allo Stato la ristrutturazione, il miglioramento e la messa in sicurezza delle scuole. A cui potrebbero aggiungersi i proventi del recupero dall’evasione del bollo auto e delle tasse di trascrizione al Pra. E per chiudere il cerchio sulla lotta al nero che matura nel mercato delle lezioni private potrebbe anche arrivare una detrazione Irpef del 19% sulle somme pagate dalla famiglie per le lezioni private e le ripetizioni dei figli. Sono alcuni degli emendamenti che la relatrice e presidente della commissione Finanze della Camera, Carla Ruocco (M5S), presenterà alla ripresa dei lavori sul decreto fiscale collegato alla manovra di bilancio. Lo scrive stamattina il quotidiano economico. (…)

La buona notizia per imprese e professionisti in difficoltà economica pur essendo in credito con la Pa arriva dalla riapertura della compensazione di quei crediti con cartelle esattoriali affidate agli agenti della riscossione entro il 31 ottobre 2019. «Una battaglia del Movimento, spiega la Ruocco, per sostenere imprese e professionisti in difficoltà economica e soprattutto di liquidità». La proposta emendativa, «sulla quale non dubito potrebbero convergere anche le opposizioni», aggiunge la relatrice al Dl, estende anche per il 2019 e per il 2020 le regole sulla compensazione delle cartelle esattoriali con crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati verso la Pa e certificati (…)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here