“Impressiona l’aumento della precarietà delle donne e il gap occupazionale rispetto agli uomini. Secondo il Gender Policies Report elaborato dall’Inapp, la pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere portando il tasso di occupazione degli uomini al 67,8% e al 49,5% quello delle donne. E’ fondamentale, pertanto, intervenire non attraverso provvedimenti spot che sviliscono la dignità delle lavoratrici ma mediante misure strutturali e politiche attive volte a incentivare l’accesso al mercato del lavoro. Nel nostro Paese, inoltre, secondo il Rapporto di Randstad Research, le donne inattive tra i 30 e i 69 anni sono oltre 7 milioni. Un numero elevatissimo considerato che rappresentano il 43% delle donne italiane. Incentivare l’occupazione femminile è un presupposto essenziale per lo sviluppo e la coesione sociale del Paese. In tal senso, è necessario mobilitare risorse senza precedenti a sostegno delle lavoratrici utilizzando una parte cospicua dei fondi del Pnrr per garantire l’impiego delle donne e rimuovere gli ostacoli all’ingresso e al rientro nel mondo del lavoro”.

Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle misure necessarie per rilanciare l’occupazione femminile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here