“Pur apprezzando la scelta della procedura del concorso di progettazione per intervenire significativamente sul patrimonio scolastico italiano per il concorso ‘FUTURA: L’Italia per la scuola di domani’, è necessario segnalare il nostro disaccordo su alcuni aspetti che vanno in contrasto con la ricerca della qualità e soprattutto dell’auspicata ampia partecipazione dei colleghi al concorso stesso”. È quanto si legge nella lettera inviata dall’Ordine degli Architetti di Roma al Ministero dell’Istruzione per evidenziare le motivazioni che hanno portato l’OAR a non trasmettere la terna dei nominativi per la composizione della commissione giudicatrice come richiesto dal Consiglio Nazionale. Il riferimento è al Concorso indetto dal Ministero dell’Istruzione, mediante l’utilizzo della piattaforma del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, per la costruzione di 212 nuove scuole mediante sostituzione di edifici.

Gli architetti, in particolare, valutano di notevole importanza l’utilizzo del concorso per progettare gli spazi dedicati all’apprendimento e alla socializzazione dei bambini, ma evidenziano: “alcune criticità che confliggono con lo spirito stesso del concorso volto all’individuazione della migliore proposta progettuale e alla massima e più ampia partecipazione”.

Il primo punto di disaccordo è che il bando di concorso, reso pubblico il 1° luglio 2022, prevedeva la scadenza del Primo Grado, con conseguente invio degli elaborati richiesti, per i giorni 3, 4 e 5 agosto, lasciando quindi solo poco più di 30 giorni per poter analizzare i bandi, scegliere il sito ed elaborare la proposta progettuale. Anche se la successiva proroga al 23, 24, 25 agosto è “un segnale certamente apprezzabile, risulta purtroppo non risolutivo della criticità espressa, trattandosi di un periodo estremamente a ridosso delle festività estive” – continua la missiva.

Non sufficienti neanche i giorni previsti per la selezione dell’area (o delle aree) su cui intervenire tra i 212 siti oggetto di concorso. “Con tali caratteristiche il concorso e il tempo previsto per l’elaborazione progettuale, nel pieno, peraltro, del periodo estivo, risulta estremamente limitante soprattutto in funzione della qualità stessa delle proposte progettuali” – sottolinea l’OAR.

Altra questione riguarda l’avvalimento, che nel bando è richiesto al professionista (per prendere parte ad un futuro raggruppamento) già tra la documentazione per il Primo Grado. “In considerazione dei tempi ristretti concessi per la definizione di tale documentazione – continua la nota – e valutato che tale adempimento può essere eventualmente richiesto solo ai professionisti che passeranno alla fase successiva (Secondo Grado), si ritiene inappropriata tale richiesta già in sede di Primo Grado”.

“Allo stato attuale – conclude la missiva – l’Ordine ha considerato di non trasmettere la terna dei nominativi per la composizione della commissione giudicatrice come richiesto dal Consiglio Nazionale.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here