Il segretario della Fp Cgil di Roma e del Lazio, Natale Di Cola, interviene sull’emergenza rifiuti. Ecco le sue parole riportate da Romatoday.it: “Siamo preoccupati perché temiamo che si stia sottovalutando la crisi dell’azienda. Per ora i problemi degli sbocchi per l’immondizia scaturiti dall’incendio dell’impianto di trattamento al Salario sono stati risolti ma senza una riorganizzazione del servizio nei prossimi giorni si rischia di andare verso il disastro”.

Secondo Di Cola, c’è “il problema della scarsità dei mezzi; la nuova raccolta differenziata che fatica a decollare; la fine del periodo delle festività natalizie durante il quale Ama è scesa in campo con sforzi straordinari per mantenere pulite le strade. Ma non si può sempre lavorare con sforzi straordinari” denuncia il segretario del sindacato. “Con la ripresa della gestione ordinaria e senza una riorganizzazione del servizio ci aspettiamo un peggioramento”.

“La situazione del bilancio è grave perché senza la sua approvazione non si arriva alla definizione del piano industriale e senza quest’ultimo non sapremo mai come l’azienda intende organizzarsi per uscire da questa situazione di difficoltà – prosegue Di Cola -. La mancata approvazione del bilancio blocca anche le assunzioni” che i sindacati chiedono da tempo. 

Da Ama e dall’amministrazione ci aspettiamo la convocazione di una task force operativa perché continuare a lavorare in perenne emergenza non è più pensabile. Anche l’impianto di trattamento di Rocca Cencia è caricato troppo e rischia di non resistere ancora a lungo” continua Di Cola. I sindacati hanno infatti scritto una lettera alla municipalizzata nella speranza “di avviare un confronto sull’organizzazione del servizio. Chiediamo anche un intervento della sindaca Virginia Raggi. Siamo preoccupati: se nelle prossime settimane non cambierà nulla non resteremo a guardare e ricominceremo la mobilitazione”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here