“Da oggi i professionisti che lavorano nella Regione Lazio hanno la garanzia che la loro prestazione sia ripagata con i criteri dell’equo compenso. Grazie infatti alla delibera presentata dalla Giunta regionale del Lazio, diventano operative le norme previste dalla legge regionale n.6 del 2019 che tutela appunto le prestazioni professionali e che recepisce le direttive nazionali sull’equo compenso”. Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e ai nuovi diritti della Regione Lazio.

“La legge, che ha esteso i suoi benefici a tutte le professioni ordinistiche e non, permette di coinvolgere una vastissima platea di destinatari, pari a circa 175mila professionisti – spiega l’assessore regionale -. Il diritto alla giusta retribuzione è un diritto per noi fondamentale e che riguarderà tutti i contratti professionali e gli affidamenti siglati tra professionisti e pubbliche amministrazioni del Lazio. Abbiamo così vietato per legge il ricorso all’utilizzo di clausole vessatorie nei contratti d’incarico o di eccessivi ribassi nei bandi della regione e delle sue partecipate. Da oggi il Lazio è una regione dove, anche grazie alle azioni concrete previste dalla legge regionale sull’equo compenso, ci sono più diritti, più tutele e più giustizia per chi lavora e dove è riconosciuta più qualità e dignità del lavoro”, conclude Di Berardino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here