Il Sole 24 Ore ha intervistato Enrico Pazzali, che ieri ha presentato – dopo cinque anni di intenso lavoro – le dimissioni dalla carica di amministratore delegato e consigliere di Eur Spa (con decorrenza dalla nomina del nuovo amministratore) comunicate all’assemblea degli azionisti della società che amministra gli immobili di pregio dell’Eur (tra cui il Centro Congressi la Nuvola, Luneur), controllata al 90% del Mef e al 10% dal Comune di Roma.

L’assemblea di Eur Spa ha approvato all’unanimità i conti 2019: utile da 2,9 milioni (+21% sul 2018) e segno più anche per i conti del Gruppo pari a 3,05 milioni. Gli azionisti hanno ringraziato Pazzali “per il contributo dato, supporto, affidabilità dimostrata”.

“Lascio Roma con la consapevolezza di una missione compiuta, un’operazione di risanamento complessa fatta grazie al lavoro di squadra, con il sostegno delle istituzioni e delle competenze che ho trovato in questa città – spiega Pazzali, intervistato da Laura Di Pillo -. Risanare Eur Spa più che una sfida un mezzo miracolo? Abbiamo trovato, insieme ai due cda che hanno condiviso con me gli obiettivi e mi hanno supportato , una società in concordato preventivo in bianco con un debito a fine 2014 di oltre 200 milioni, un contenzioso di oltre 300 milioni con Condotte (chiuso con una transazione un paio di settimane fa), molti cantieri aperti. Oggi la società è in utile (+21% per quasi 3 milioni, +10% il fatturato della capogruppo a 24,3 milioni) non ha più debiti con le banche, abbiamo tolto oltre 900 milioni di pignoramenti e portato l’Ebitda sopra i 6,5 milioni . Abbiamo lanciato la Nuvola a livello internazionale con cento eventi dal 2016 a inizio 2020 e 620mila visitatori e riaperto il Luneur. Abbiamo portato la Formula E all’Eur e stiamo finalizzando il contratto per altri 5 anni (…) Prossima sfida professionale? Oggi sono impegnato in Fondazione Fiera Milano dove sono già stato in passato per otto anni come ad della quotata Fiera Milano. La sfida è quella di tornare a una vita ordinaria dove Fiera possa confermarsi leader in un mercato in cui è sempre stata prima (…).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here