“Dal M5S mai che ci si possa aspettare un po’ di saggezza, di equilibrio.
Passano da un estremo all’altro senza mai valutare  le ricadute delle scelte fatte. Ricordate? In passato erano quelli che non si poteva far nulla perché tutto era a rischio di infiltrazioni della criminalità o di truffe: lo stadio a Roma no e nemmeno le Olimpiadi, a Milano niente Expo, tra Scilla e Cariddi niente ponte e niente termovalorizzatori in nessuna città lungo lo stivale. 
Oggi invece si procede esattamente all’inverso, distribuzione a pioggia di danari pubblici senza alcuna preoccupazione nemmeno se il super bonus finisce nelle mani di un detenuto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Sono stati già stimati due miliardi sottratti indebitamente allo Stato, altri quattro quasi, e tra i truffatori parcheggiatori abusivi e detenuti. E poco importa poi se tra i percettori del reddito di cittadinanza ci siano mafiosi o finti poveri. 
E poi i bonus, per tutti e senza alcun distinguo, le mascherine, i banchi a rotelle e chi più ne ha più ne metta. Si è bloccato per anni lo sviluppo, si sono fatti saltare per aria investimenti veri che avrebbero potuto generare ricchezza vera in nome del rischio infiltrazioni, mentre sarebbe bastato mettere in campo le necessarie contromisure e oggi si sono sperperati svariati miliardi per favorire molto spesso l’assistenzialismo e il malaffare. E addirittura si minaccia la crisi di governo soltanto perché si vuole impedire a chi delinque di continuare a farlo indisturbato, distinguendo le persone perbene dai malfattori.
Chi paga per questa ennesima inversione ad “U” dei grillini sono gli imprenditori onesti che hanno visto bloccati i cantieri del super bonus, i poveri che nonostante il reddito di cittadinanza sono rimasti poveri, i disoccupati che sono restati tali e gli italiani che hanno visto incrementare il proprio debito pubblico per arricchire i truffatori”.

Così in un post su Facebook il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone.