“Fatture, crollo del 70% a marzo”, è l’apertura odierna del Corriere di Roma. Dall’Agenzia delle entrate il termometro della crisi economica: rispetto al 2019, sistema produttivo semi-paralizzato. L’emergenza sanitaria. Turismo in grave difficoltà: 100mila rischiano il posto. Oggi non riaprono le librerie. Il bilancio dei controlli, multe e denunce.

A pagina 2: “Agenzia delle entrate, meno 70% di fatture. Addio a due affari su tre”. Confronto tra marzo e lo stesso mese del 2019: da 37milioni di operazioni a solo 11.

Il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori: “È necessario quello che gli americani chiamano reboot, cioè un nuovo avvio, come si fa con certi computer – spiega Leodori -. Dobbiamo uscire da questa emergenza con una serie di certezze, innanzitutto legate alla salute dei cittadini. Il reboot non è uno slogan, ma una forma culturale. Iniziamo dalla burocrazia, lottiamo come fosse un altro virus che blocca la nostra vita, delle imprese, mette le ganasce alle nostre giornate. Chiudiamo il timbrificio, cambiamo cultura amministrativa. Se usciamo più forti dal maledetto Covid19, pur nel dramma profondo delle persone scomparse, potremo saperlo solo se saremo stati capaci di cambiare noi. Penso al lavoro, agli orari precostituiti, al nuovo modello di ufficio, prima e dopo l’ondata smart working. Ecco, serve metterci su un nuovo fuso orario, in cui la politica intesa come dialettica e scontro tra fazioni, lascia il posto alle politiche, intese come azioni concre te per il bene di tutti i cittadini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here