“Flat tax, in arrivo ritenute sui dipendenti”. Lo scrive stamattina Il Sole 24 Ore. Giovanni Parente e Gianni Trovati spiegano: “(…) Modifiche in arrivo anche sulla flat tax, che attualmente riguarda imprese e professionisti con ricavi o compensi fino a 65mila euro. Le partite Iva con tassa piatta al 15% dovranno operare le ritenute sui propri dipendenti. Un paletto giudicato necessario dopo le modifiche introdotte dall’ultima legge di Bilancio che, oltre ad allargare le maglie d’accesso in base al “fatturato”, ha anche eliminato il precedente vincolo dei 5mila euro delle retribuzioni massime pagabili in un anno a dipendenti o collaboratori. Dal 1° gennaio 2019, infatti, le partite Iva nella flat tax non hanno più vincoli sulle retribuzioni pagabili. Con l’intervento allo studio nel decreto crescita si punta quindi a far applicare le ritenute Irpef, così come per la generalità degli altri lavori dipendenti. Sarà introdotto anche un periodo di tolleranza di tre mesi per sanare le ritenute non applicate sulle buste paga e consentire a imprenditori e professionisti in regime di flat tax di mettersi in regola (…)”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here