Con una nota stampa i Cobas dell’igiene ambientale fanno sapere che, a partire dai primi di gennaio, le direttive d’appalto d’igiene urbana del Comune di Grottaferrata sono cambiate,  con ripercussioni negative sul servizio di raccolta.
“A farne le spese, sono come sempre i cittadini e i lavoratori, prosegue la nota sindacale, che pagano l’iniqua scelta del Comune di procedere a ritirare i carrellati per il conferimento di plastica ed indifferenziato da tutti i condomini; di non aver dotato la cittadinanza di appositi contenitori per pannolini/pannoloni; di aver separata la raccolta del vetro da quella del metallo, con frequenza di ritiro di una volta ogni quindici giorni, peraltro svolta in orari pomeridiani”.
“È pertanto lo stravolgimento delle modalità del Porta a Porta – conclude la nota – , la sola e unica causa di un servizio di raccolta differenziata che, auspica l’applicazione della tariffa puntuale ma nei fatti massacra i lavoratori e complica non poco la vita ai cittadini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here