“Il decreto Crescita è legge”, è l’apertura del quotidiano Italia Oggi. Taglio dell’Ires dal 20,5 al 20%. Scivolo di 5 anni per andare prima in pensione. Riapertura al 31 luglio del termine per la rottamazione delle cartelle esattoriali.

Il quotidiano riporta le principali novità del decreto:

Taglio Ires
Taglio dell’Ires dal 20,5 al 20% dal 2023.

Imu sui capannoni
La deducibilità Imu sale dal 70 al 100% sugli immobili strumentali a partire dal 2023.

Dichiarazioni Imu
Il termine slitta dal 30 giugno al 31 dicembre

Rottamazione cartelle
Riaperti i termini. Il debitore potrà presentare domanda di adesione entro il 31 luglio.

Stop scontrini di carta
Anche i piccoli esercizi dovranno trasmettere gli scontrini in via telematica alle Entrate.

Rientro sportivi
Si riduce per gli sportivi professionisti l’agevolazione fi scale concessa dal dl crescita ai cosiddetti impatriati.

Affitti brevi
Istituito il Codice identificativo nazionale per le strutture ricettive.

Incentivi.
Nasce la piattaforma telematica per il sostegno della politica industriale e della competitività del Paese.

Scivolo aziendale
Arriva il contratto di espansione. Le grandi imprese con più di mille dipendenti potranno licenziare i lavoratori più anziani offrendo loro in cambio uno scivolo di 5 anni.

Tariffe Inail
Taglio da 600 milioni delle tariffe Inail che diventa strutturale dal 2023 ma con l’esclusione per l’anno 2022.

Salva-Roma
Parte del debito storico della Capitale passerà a carico dello Stato ma i risparmi derivanti dalla rinegoziazione dei mutui di Roma saranno utilizzati per aiutare altri capoluoghi in dissesto.

Fondo salva-opere
Arriva il Fondo per garantire il rapido completamento delle opere e tutelare i lavoratori e le imprese sub-appaltatrici che vantano crediti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here