“All’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro del MIBAC, la ricerca si ferma per i pensionamenti che negli ultimi tempi hanno lasciato veri e propri vuoti di professionalità. 

Nuove assunzioni, per quanto tardive, sarebbero state comunque provvidenziali. Ma manca ancora l’indizione di concorsi per le specifiche professioni richieste. Con il precedente blocco del turn-over, chi è andato in pensione non ha potuto trasmettere a nessuno conoscenze e pratiche. Con i pensionamenti previsti, a fermarsi sarà direttamente l’attività complessiva di ricerca”. A lanciare l’allarme, tramite un comunicato, è  la Fp Cgil di Roma e Lazio.

A oggi, dei sei chimici del ridotto organico (a nostro avviso per svolgere al meglio l’attività ne servirebbero almeno otto) ne sono rimasti tre, in poco tempo resteranno in due; dei quattro fisici previsti, a breve ne resterà uno solo; i cinque biologi dei sette previsti non sapranno a chi trasmettere l’esperienza acquisita ed è rimasto un solo geologo, che non ha al suo fianco altri colleghi con cui confrontarsi. Tutto questo per un patrimonio culturale immenso e unico, come quello che vanta il nostro paese.

Nessun programma di tutela e valorizzazione può fare a meno di una funzione strategica come la conservazione e il restauro. L’investimento su personale specializzato, tecniche e strumenti all’avanguardia è fondamentale perché il Ministero coordini e svolga al meglio la sua funzione.

Senza le professionalità necessarie all’ISCR, si arenano i progetti all’estero, la Scuola di alta formazione, la cooperazione internazionale, insieme alla ricerca e all’innovazione, in un settore in cui da sempre l’Italia aveva vantato la propria eccellenza. Per questo facciamo appello al Ministro e al Governo perché si mettano da subito in campo concorsi e investimenti per rilanciare l’Istituto e con esso tutta l’attività di cura e valorizzazione del patrimonio culturale e artistico”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here