14 anni di lotte per arrivare alla firma del contratto della sanità privata Aiop-Aris, ma nel Lazio a circa quattro mesi dalla sottoscrizione l’accordo non è applicato dalle aziende accreditate con il SSR nella maggior parte dei casi.

“Abbiamo più volte sollecitato le parti coinvolte all’assunzione, da parte di ognuna, del massimo senso di responsabilità perché a pagare non siano sempre i lavoratori” dichiarano Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Sanità e Valerio Franceschini, Segretario Provinciale di Roma.

“Oggi ci troviamo di fronte a una situazione paradossale. Pur in presenza dell’accordo raggiunto a livello nazionale e sottoscritto al Ministero della Salute l’8 ottobre 2020 le aziende continuano a non applicare il CCNL” proseguono i sindacalisti. “Abbiamo richiesto alla Regione Lazio un incontro urgente ma il metodo del silenzio resta quello applicato dal Presidente Zingaretti e dall’Assessore D’Amato in spregio alle legittime attese dei tanti operatori sanitari coinvolti. I lavoratori continuano quindi ad attendere e il tempo passa”.

Giuliano e Franceschini concludono. “La Regione deve dar seguito alla delibera che la impegna, come da accordo nazionale, alla copertura per la propria parte del 50%. L’immobilismo istituzionale viene utilizzato dalle aziende in modo inopportuno per non dare seguito all’applicazione del nuovo contratto. Siamo pronti a qualunque forma di mobilitazione perché un diritto ormai acquisito venga applicato e tutelato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here