“Credo sia molto importante che anche gli ordini professionali si facciano carico di organizzare giornate della legalità. La lotta alla corruzione e alle mafie non può e non deve essere appannaggio di pochi, ma dell’intera società: c’è bisogno di fare squadra ed è decisivo il contributo dell’associazionismo e del mondo professionale”. Sono le parole del Procuratore Raffaele Cantone, intervenuto questo pomeriggio alla quarta edizione dell’iniziativa “Legalità, sussidiarietà, governo del territorio e progresso”, promossa dall’Ordine degli Architetti di Roma e provincia con il patrocinio del Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC), in occasione della Giornata nazionale per la Legalità.

“Il tema della legalità – ha sottolineato Francesco Miceli, neo Presidente CNAPPC  – è uno di quelli centrali delle politiche che attueremo e richiede rigore e impegno costanti. Lo ribadiamo con forza soprattutto in questo momento in cui ci apprestiamo, come sistema-Paese, a gestire con trasparenza le ingenti risorse messe a disposizione dal PNRR. Per questo motivo – ha aggiunto Miceli – è nostra intenzione istituire l’Osservatorio sulla legalità: anche attraverso la nostra costante e quotidiana azione di vigilanza è possibile impedire le infiltrazioni della criminalità organizzata nel piano di rilancio del Paese. La nostra richiesta, ad esempio, di semplificazione delle norme va in questa direzione: il loro numero spropositato, il loro sovrapporsi e contraddirsi, la loro farraginosità applicativa sono un terreno ideale su cui nascono le irregolarità, le corruttele e molto spesso il malaffare. Di più – prosegue – istituiremo la Giornata dell’etica e della legalità, coincidente con il 23 maggio, ricorrenza della strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie e gli uomini della scorta, per impegnare, ogni anno, gli Ordini territoriali e l’intera comunità professionale in iniziative pubbliche di riflessioni e di interventi a favore della legalità”.

“Siamo alla quarta edizione di un evento che cresce ogni anno – spiega il Presidente OAR Christian Rocchi – un’iniziativa che sottolinea come le professioni ordinamentate siano una parte fondamentale del sistema-Paese, garanzia di corretta competizione sulla base della competenza. La legalità è infatti presupposto inalienabile per la costruzione del nostro futuro, oltre che strumento di selezione delle migliori forze a disposizione sul territorio”.

Oltre al Procuratore Cantone, Miceli e Rocchi, sono intervenuti all’iniziativa Walter Verini per la Commissione Giustizia della Camera, il Presidente Anci Antonio Decaro, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e quello di Casal di Principe Renato Franco Natale e di Latina, Damiano Coletta.

Numerosi gli ordini professionali degli architetti che da tutta Italia hanno sostenuto l’iniziativa: Ordine di Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Brindisi, Catania, Chieti, Frosinone, Latina, Macerata, Milano, Palermo, Parma, Salerno, Teramo, Torino, Verona, Viterbo e la Federazione degli Ordini della Sardegna. A chiudere inoltre, prima del dibattito, Maurizio Artale del Centro Padre Nostro, Marco Sorrentino della Cooperativa Terradamare di Palermo e Manuela Marani, L’Altra Napoli Onlus.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here