“L’Inps non anticipa più il 40% della Cig Svista nell’ultimo decreto”, titola stamattina. La Repubblica. Non è stata prevista la procedura veloce. In 642 mila attendono ancora l’assegno.

Valentina Conte fa il punto sulla situazione nelle primissime righe del suo pezzo: “Nessuna corsia veloce per le nuove 18 settimane di cassa integrazione assicurate dal decreto Agosto. La procedura sprint introdotta col decreto Rilancio di maggio – il 40% di cig anticipata subito dall’Inps – non è richiamata in modo esplicito dal nuovo provvedimento. Il problema però resta: i soldi della cassa continuano ad arrivare ai lavoratori con ritardo, anche grave in alcuni casi. È la stessa relazione tecnica all’ultimo decreto 104 – in vigore dal 15 agosto – a confermarlo, dando conto dei beneficiari le cui aziende hanno spedito all’ Inps il famoso SR41, il documento con l’Iban dei lavoratori. Esaurite le pendenze di marzo e aprile, restano ancora 102 mila dipendenti senza la cig di maggio. A cui aggiungerne oltre mezzo milione di giugno e luglio. Totale: quasi 642 mila pagamenti in sospeso (…)”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here