“Quanta ipocrisia sulla nuova alleanza giallorossa in Regione, sarebbe cosa buona e giusta se terminasse”. Lo sostiene il capogruppo regionale di Noi con l’Italia Massimiliano Maselli.

“L’accordo della disperazione tra Pd e M5S a livello nazionale, basato sulla paura di andare a votare e sul patto della poltrona, è stato subito trasferito nel Lazio tanto è vero che è già stato deciso che in Giunta si libereranno due posti che andranno a figure esterne legate al M5S, di cui già si conosce l’identità – prosegue Maselli -. Se questo è il preludio ad un nuovo laboratorio o modello per il Lazio, come spera la grillina Lombardi, lo vedremo. Certo è che sarebbe il combinato disposto di due gestioni fallimentari”.

“Da un lato quella del Pd alla Regione Lazio (basti pensare ai disastri della giunta Zingaretti su sanità, trasporti e utilizzo fondi strutturali dei fondi Ue), dall’altro quella del sindaco Raggi al Comune di Roma (fallimento totale sul tema dei rifiuti ma anche sul decoro, sulla manutenzione delle strade e del verde, per non parlare della crisi di importanti aziende come Atac e Ama). Un laboratorio del genere, per i cittadini del Lazio, sarebbe letale”, conclude il capogruppo regionale di Noi con l’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here