Il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia e il Commissario Straordinario per il Giubileo e Sindaco di Roma Roberto Gualtieri hanno presentato oggi gli interventi relativi al Progetto Caput Mundi che stanzia complessivamente 500 milioni per il recupero, la valorizzazione e la fruizione del patrimonio monumentale di Roma e del Lazio.

Il progetto è ripartito in 335 interventi su 283 siti archeologici/culturali da realizzarsi a cura di vari soggetti attuatori (Ministero del Turismo, Ministero della Cultura, con il coinvolgimento delle varie Soprintendenze, Parco Archeologico del Colosseo, Parco Archeologico dell’Appia Antica, Diocesi di Roma, Regione Lazio e Roma Capitale).

Gli interventi definiscono un processo innovativo di valorizzazione del patrimonio archeologico, turistico e culturale di Roma e del Lazio, usando l’opportunità offerta dal Pnrr in coincidenza con il Giubileo del 2025. L’obiettivo è quello di creare nuovi percorsi turistici e di rilanciare anche quei luoghi o monumenti “minori” che spesso vengono dimenticati.

Il Ministero del Turismo è l’Amministrazione titolare del programma Caput Mundi e ha concertato con il Commissario Straordinario per il Giubileo, che il Governo ha individuato nel Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, la lista degli interventi e lo ha delegato all’attuazione degli stessi.

Gli obiettivi di Caput Mundi

I tre macro-obiettivi di questo grande progetto di rilancio culturale ed economico della Capitale sono: aumentare significativamente il numero di complessi turistici fruibili, creare offerte alternative ai percorsi tradizionali anche fuori dal centro storico, formare personale qualificato da far entrare in servizio.

I 335 progetti

·         Roma Capitale – 128 interventi per 232 milioni di euro;

·         Ministero della Cultura – Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma – 149 interventi, 192,1 milioni;

·         Ministero della Cultura – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma e la provincia di Rieti – 6 interventi, 6,8 milioni

·         Ministero della Cultura – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale –  26 interventi, 17,9 milioni;

·         Ministero della Cultura – Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone e Latina – 5 interventi, 6,5 milioni;

·         Ministero della Cultura – Parco Archeologico del Colosseo – 10 interventi, 20 milioni;

·         Ministero della Cultura – Parco Archeologico dell’Appia Antica – 7 interventi, 11,8 milioni;

·         Ministero Turismo – 2 interventi per 7,8 milioni;

·         Regione Lazio – 1 intervento 1,7 milioni;

·         Diocesi di Roma – 1 intervento, 230mila euro;

Le 6 linee di intervento di Caput Mundi

1.   il “Patrimonio Culturale di Roma per EU-Next Generation”, con la rigenerazione e il restauro del patrimonio culturale e urbano e dei complessi di alto valore storico architettonico della città di Roma (52 interventi);

2.   Percorsi Giubilari 2025 – dalla Roma Pagana alla Roma Cristiana – finalizzati alla valorizzazione, messa in sicurezza, consolidamento antisismico, restauro di luoghi e di edifici di interesse storico e percorsi archeologici (149 interventi);

3.   #LaCittàCondivisa, patrimonio storico, archeologico e culturale per riqualificare sistematicamente il contesto urbano ed extraurbano (61 interventi);

 

4.   #Mitingodiverde, che riguarda parchi, giardini storici, ville e fontane (55 interventi);

 

5.   #Amanotesa, finalizzata ad incrementare l’offerta culturale nelle periferie per favorire l’integrazione sociale (4 interventi);

 

6.   #Roma 4.0, che prevede la digitalizzazione dei servizi culturali e lo sviluppo di siti e app per turisti (14 interventi).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here