Dopo 2 settimane di indagini, la Polizia di Stato denuncia 2 ragazzi che avevano imbrattato, con la vernice, 3 autovetture istituzionali e le mura di cinta del Commissariato di zona e del Compartimento Polizia Postale del Lazio.

Il 26 aprile u.s. gli agenti del Commissariato Monteverde accertavano  che, durante la notte, erano state imbrattate, con la vernice, 3 autovetture di servizio parcheggiate davanti al Commissariato  e le mura dello stesso edificio.

Immediatamente sono partite le indagini, e analizzando anche  le immagini delle telecamere di videosorveglianza degli esercizi commerciali nelle vicinanze, gli investigatori hanno individuato dei ragazzi quali probabili autori dell’atto vandalico.

Si è proceduto, poi, a comparare i fotogrammi acquisiti con quelli ripresi in un analogo precedente episodio, che aveva interessato il muro di cinta del Compartimento Polizia Postale Lazio, ed è emerso che i caratteri della scrittura, le firme apposte e l’abbigliamento utilizzato erano riconducibili alla stessa persona.

Da ulteriori accertamenti nei luoghi frequentati dai “graffitari” romani, i poliziotti sono riusciti a risalire ad un giovane residente nel quartiere Monteverde e, dopo vari appostamenti, la stessa dirigente del commissariato di zona, Maria Chiaramonte, lo ha visto entrare in un parco pubblico insieme ad altri ragazzi.

Portati negli uffici di Polizia, due di loro hanno ammesso le proprie responsabilità in merito agli “imbrattamenti” dei giorni precedenti e hanno consegnato i telefoni cellulari sui quali erano ancora conservate le immagini scattate nel corso del raid. In seguito sono stati denunciati per danneggiamento e deturpamento di cosa altrui.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here