“‘Monumenti spenti di notte. Atac e Ama servizi dimezzati’”. Così apre stamattina l’edizione romana de La Repubblica. Comune e Regione studiano le ipotesi per ridurre i consumi come richiesto dal Governo. Incontro tra Gualtieri e i vertici di Acea. “In questa fase serve una strategia di risparmio”.

A pagina 2: “Ecco l’economia di guerra: ‘Metro chiusa alle 20 e raccolta rifiuti ridotta’”.

“Stiamo analizzando la questione – ha dichiarato ieri Gualtieri – preferisco esprimermi al termine delle verifiche, penso sia giusto cercare di attuare una strategia di risparmio energetico in una fase come questa”.

Atac è quella che oggi sta pagando il prezzo più alto di questa crisi – si legge sul quotidiano -. Secondo gli ultimi dati raccolti dall’azienda, rispetto al budget di 75,5 milioni di euro previsto per coprire i costi energetici del 2021 necessari per far muovere bus, tram e metro il costo a consuntivo ha raggiunto i 90 milioni e sembra destinato ad arrivare a quota 101 milioni per il 2022. “Nel giro di otto mesi – spiega un manager di Atac – l’aumento è stato del 34% e non siamo in grado di calcolare cosa accadrà nei prossimi giorni perché i prezzi dei carburanti continuano a salire”.

Anche Ama subisce duramente l’aumento dei prezzi dei carburanti e dell’energia, tanto per i mezzi che raccolgono i rifiuti in giro per la città quanto per il funzionamento degli impianti in capo alla municipalizzata.

Nelle grandi aziende si pensa ad un rilancio dello smart working.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here