“La comunità di Nerola è isolata, saremo zona rossa fino all’8 aprile, non si entra e non si esce dal paese sconvolto dall’epidemia di coronavirus che ha contagiato 76 persone, si rispettano meticolosamente le regole per impedire la diffusione del virus. In queste condizioni i 1980 cittadini di Nerola vogliono contribuire alla ricerca scientifica sul Coronavirus ed è per questo che ho scritto al governatore del Lazio Nicola Zingaretti e all’Assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, con cui sono in contatto costante, affinché si facciano portavoce di questa richiesta presso la Asl Rm5, lo Spallanzani e gli altri Istituti di Ricerca”. Lo dichiara la sindaca di Nerola, Sabina Granieri.

“Sono stati eseguiti solo 378 tamponi, vogliamo estendere l’indagine a tutta la popolazione per verificare come si muove il virus e contribuire alla ricerca scientifica – spiega la prima cittadina del comune della provincia di Roma -: siamo la prima enclave del centro Italia ad essere stata colpita, vogliamo essere certi dello stato di salute di tutti e non vanificare il sacrificio dell’isolamento totale”. 

”In Veneto il governatore Zaia ha disposto l’esecuzione dei tamponi su tutta la comunità di Vo’, quando era zona rossa. Nella cittadina del nord-est sono stati fatti 6.800 tamponi e ora i dati raccolti sono a disposizione della Ricerca. Siamo certi che Zingaretti non vorrà perdere questa straordinaria opportunità di realizzare uno studio epidemiologico, il primo nel centro-italia, che ci dica come evolve il virus, come si muove, in quanto tempo sono efficaci le rigorose misure di isolamento alle quali siamo sottoposti. La richiesta è stata già formalizzata in Regione e ci aspettiamo una risposta positiva e in tempi rapidi, non vogliamo più aspettare immobili, chiusi nel nostro paese con i militari alle porte”, conclude Granieri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here