“Nuovi dipendenti negli studi, il «reimpiego» riduce i costi”. Così stamattina Il Sole 24 Ore.  Contratti su misura. Dal lavoro intermittente all’apprendistato professionalizzante i principali inquadramenti possibili per gli ingressi. Sconto sullo stipendio per gli over 50.

Il quotidiano economico riporta gli inquadramento possibili in una tabella:

CONTRATTO A TERMINE

Negli studi è ammesso con dei limiti. Chi occupa fino a 5 dipendenti a tempo indeterminato può assumere 3 lavoratori a termine; da 6 a 15 dipendenti si può assumere massimo il 50% dei lavoratori a tempo indeterminato. Oltre i 15 dipendenti non si può eccedere il 30% del numero dei lavoratori a tempo indeterminato

CONTRATTO DI REIMPIEGO

Negli studi professionali è attivabile uno speciale regime di assunzione a tempo indeterminato per inserire over 50 o inoccupati e disoccupati di lunga durata, escluso chi rientra nel campo di applicazione dell’apprendistato

LAVORO A CHIAMATA

Il contratto di lavoro intermittente può essere stipulato per periodi con una particolare intensità lavorativa. Ad esempio: dichiarazioni annuali nell’area economico-amministrativa e nelle altre attività professionali; archiviazione documenti per tutte le aree professionali; informatizzazione per tutte le aree professionali

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

Per assumere con il contratto di apprendistato professionalizzante e di mestiere il datore di lavoro deve aver mantenuto in servizio almeno il 20%, per le strutture sotto i 50 dipendenti, e il 50%, per quelle sopra i 50 dipendenti, dei lavoratori il cui contratto di apprendistato sia scaduto nei 18 mesi precedenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here