“‘Se qualcuno per strada mi grida fr***, a me non viene assolutamente da ridere, perché l’omofobia non si combatte con una risata. Io e tutta la comunità Lgtb non meritiamo questo solo perché amiamo una persona dello stesso sesso. Meritiamo una legge che ci tuteli. Lei sotto un suo post ci ha definito patetici, comici e che addirittura non dobbiamo rompere le pa***’.” È questo un piccolo sunto dello sfogo rivolto da Alessandro Azzellino, giovane della Provincia di Frosinone, al Presidente del Consiglio provinciale di Fratelli d’Italia, Daniele Maura, ancora protagonista di invettive social contro il ddl Zan e i suoi sostenitori. Tutto ciò, oltre ad essere incredibile, è semplicemente vergognoso. Massima solidarietà ad Alessandro e a tutta la comunità Lgtb”.
Così in una nota la Federazione provinciale del Partito democratico di Frosinone in merito alle accuse di un giovane, attraverso il profilo Facebook, all’esponente di FdI Daniele Maura.
“Daniele Maura o Fratelli d’Italia si scuseranno questa volta per l’ennesima gaffe? Il tentativo dei meloniani di delegittimare una battaglia giusta, a tutela di tutti, non ci farà fare nessun passo indietro. Sostenere la legge contro misoginia, omotransfobia e abilismo è un atto di civiltà. L’unico auspicio è di vedere il ddl Zan approvato il prima possibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here