Domani ultimo appuntamento nelle scuole di “Pace all’attacco”, una campagna lanciata dall’Incisiva Edizioni che mira a sensibilizzare i più giovani sull’importanza di costruire una narrazione più consapevole e definita del disarmo e della pace attraverso la cultura.

“Ho aderito a questa iniziativa con molta convinzione perché solo rivolgendosi alle giovani generazioni con un linguaggio diverso, dando potere alle parole, riusciremo a creare un contesto pacifico e inclusivo. Così distribuire poesie che parlano di giustizia sociale, di solidarietà, rispetto del prossimo e dialogo davanti alle scuole diventa un’arma potentissima per contrastare l’idea che l’unica strada per ottenere la pace sia alimentare la guerra mandando armi nei territori coinvolti come sta accadendo in Ucraina.

Dopo aver visitato il liceo classico Kant, l’istituto Amaldi e il liceo artistico Rossi, domani mattina andremo al liceo artistico Argan e al liceo scientifico Gullace per confrontarci ancora una volta con gli studenti con l’auspicio di poter contribuire, in qualche modo, alla loro crescita come cittadini consapevoli e informati” dichiara Alessandro Luparelli, capogruppo di Sinistra Civica Ecologista in Assemblea Capitolina.

La campagna continua anche con la pubblicazione quotidiana di una poesia per la pace sulla pagina Facebook della casa editrice e con due appuntamenti:

3 giugno, serata di slam poetry per la pace presso la galleria d’arte GarageZero al Quadraro insieme all’esposizione WAR BORDERS, mostra fotografica dal confine polacco-ucraino di Giovanni Culmone;

9 giugno, manifestazione a Piazza Vittorio “Fermiamo la guerra. Per il disarmo, la giustizia sociale e ambientale e la solidarietà tra i popoli”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here